Come conservare i fiori recisi

Come conservare i fiori freschi

Prima di lanciarsi nella creazione di una composizione floreale e stupire i vostri clienti con le vostre nuove abilità, ci sono step fondamentali che determinano il vostro successo nella realizzazione di un bouquet di fiori:

  • l’acquisto di un fiore fresco;
  • la conservazione di un fiore (vasi per fiori recisi o un frigo per fiori);
  • la preparazione di un mazzo di fiori.

Questi sono i nostri consigli per preparare un bouquet oppure mazzi di fiori bellissimi particolari.

Acquisto

Come acquistare un fascio di fiori per creare un bouquet di fiori sposa

In fase di acquisto di un fiore non è semplice scegliere la fascia qualitativa di un fiore e distinguere tra un fiore fresco e un fiore secco, come se fosse un fiore per cimitero.

Esistono varie fasce di qualità di un fiore : super, normale, imperfetta, storta (krom).

La denominazione di queste fasce e il loro valore è solitamente comune a tutti i distributori, anche se alcuni produttori assegnano pesi diversi a certe denominazioni. La nostra esposizione di queste sigle si basa sulle denominazioni date dalla Borsa Olandese dei Fiori, che solitamente è quella maggiormente utilizzata dai distributori.

Come classificare un fiore fresco
Un fiore viene classificato qualitativamente in relazione a queste caratteristiche:

  • lunghezza del gambo,
  • consistenza del gambo,
  • perfezione del bocciolo.

La qualità super ha il gambo più consistente, dritto e lungo e un bocciolo perfetto.

La qualità normale si riconosce per una misura inferiore del gambo.

La qualità imperfetta significa che i gambi non sono perfettamente dritti ma presentano curvature o assottigliamenti dello spessore, soprattutto verso la parte alta del gambo.

La qualità storta (krom), da non confondere con i fiori secchi, invece presenta le teste del fiore che non sono dritte ma sono inclinate da una parte.

La fascia qualitativa di solito è un fattore che viene preso in considerazione in relazione al tipo di allestimento floreale che un fiorista deve eseguire o al tipo di impiego del fiore, soprattutto se si tratta di un mazzo di fiori di campo. Queste qualità sono solitamente soggettive.

La qualità extra di solito viene impiegata per vaso con fiori destinato alla vendita in negozio oppure per composizioni fiori ad alto budget, come ad esempio la preparazione di un bouquet fiori sposa per matrimoni.
I fiori di qualità progressivamente decrescente vengono fatti essiccare oppure usati in mazzi, composizioni, cofani e corone funebri da utilizzare come fiori per cimitero.

La freschezza del fiore
È importante in fase di acquisto saper valutare la freschezza del fiore. Questa operazione è difficilmente fattibile a occhio nudo, a causa dei metodi di conservazione in cella frigo, anche se solitamente i grossisti indicano sull’etichetta del fiore la data di arrivo di un fiore.

Nel caso che l’etichetta del fiore non presenti questa indicazione, è comunque possibile per alcuni tipi di fiori valutare la freschezza in modo abbastanza preciso.
Adesso vi diamo dei consigli per valutare empiricamente la freschezza dei fiori.

Valutazione

Valutare la freschezza delle rose recise
Con questi nostri consigli saprete valutare al meglio la freschezza delle rose recise.

Rosa Coolwater rosa fresca

rosa cool water
Rosa Cool Water

Nel caso delle rose recise, per esempio, si può toccare la testa del fiore: se la testa del fiore risulta dura e consistente al tatto significa che il fiore è ancora fresco e di buona qualità. Se invece la rosa al tatto è molle, significa che il fiore ha pochi petali e quando si dischiuderà si presenterà meno consistente e poco rigoglioso.

Conservazione

Come conservare i fiori (conservanti per fiori recisi e frigo per fiori)

Dopo l’acquisto è necessario dedicare particolare cura anche alla conservazione dei fiori fino al momento in cui saranno impiegati in un addobbo o venduti in mazzi di fiori freschi. Non tutti i fiori vanno conservati allo stesso modo, anzi alcuni tipi di fiori presentano specifiche particolarità.

La conservazione di un fiore coninvolge due aspetti: l’uso o meno di una cella frigo e la regolazione dell’acqua nel secchio o nel contenitore per fiori recisi, anche in relazione alle foglie del fiore.

Cella frigo per fiori Europei

lilium giglio

lilium giglio
Lilium Giglio

Per molti tipi di fiori (rose, calle, lilium, ecc.) la conservazione in un piccolo frigorifero per fiori ne prolunga la freschezza.

Cella frigo e fiori tropicali

Anthurium anturia

anthurium anturia
Anthurium Anturia

Ci sono fiori invece che non devono essere conservati a temperature troppo fredde, come ad esempio gli anthurium e i fiori tropicali in genere, che non devono mai scendere al di sotto di una temperatura di 11 gradi. Al di sotto di queste temperature il fiore si macchia.

Come dosare l’acqua nei secchi

Inanzitutto va specificato che le foglie di un fiore non devono mai venire a contatto con l’acqua dentro al secchio (o al vaso), altrimenti c’è il rischio che marciscano emanando anche uno sgradevole odore.

La quantità di acqua in cui tenere un fiore dipende dal tipo di gambo e di fiore.

Fiori dal gambo consistente

Rosa advance

rosa advance
Rosa Advance

Per le rose o fiori che hanno un gambo simile, cioè consistente, si può mettere l’acqua fino a tre quarti del contenitore.

Fiori con gambi deboli

tulipano

tulipano
Tulipano

Per le gerbere, i tulipani, gli amaryllis e le calle, che hanno un gambo debole, e altri fiori che a vista presentano un gambo internamente vuoto o molle, è consigliabile mettere solo tre dita di acqua, perchè la parte del gambo a contatto con l’acqua marcisce in fretta, e c’è il rischio di ritrovarsi con un fiore senza gambo in breve tempo.

Statici

limonium statice

limonium statice
Limonium Statice

Altri tipi di fiori, come il limonium e tutti gli statici invece non vanno messi in acqua, perchè l’assorbimento dell’acqua favorisce il processo di marcimento abbreviando la vita del fiore. L’ideale è conservare questi fiori in cella frigo.

Come tagliare i gambi dei fiori

Un altro aspetto che incide sulla qualità della conservazione di un fiore è il modo in cui viene tagliato il gambo, che determina la capacità di un fiore di assorbire l’acqua. Ci sono due tecniche di taglio, che devono essere impiegate in base al tipo di gambo: legnoso oppure normale. Inoltre alcuni fiori non devono essere tagliati ma spezzati.

Taglio del gambo normale

Per tagliare in maniera corretta il gambo normale, utilizzare un coltellino e tagliare il gambo obliquamente e in abbondanza: maggiore l’obliquità del taglio, maggiore è la superficie a disposizione per assorbire l’acqua.

Taglio del gambo legnoso

Per il gambo legnoso, occorre munirsi di un forbicione e incidere il gambo alla metà della sua base.

Fiori da spezzare e non tagliare

Crisantemi

Crisantemi
Crisantemi

Alcuni fiori, come i crisantemi, presentano un gambo vuoto, per cui è necessario spezzare il gambo invece di tagliarlo, altrimenti il fiore non riesce ad assorbire acqua.

Come steccare i fiori

I fiori ora sono pronti per essere impiegati nelle vostre composizioni. Tuttavia, prima di iniziare a lavorare, è necessaria una ulteriore preparazione. Per i fiori che presentano steli con diramazioni che raggiungono la base dello stelo, è necessario togliere queste diramazioni. Se la diramazione è rigida è già pronta per essere lavorata subito dopo essere stata tolta. Se invece il gambo della diramazione è debole, occorrerà procedere alla steccatura del gambo.

Per steccare i gambi ci sono varie tecniche, che dipendono dal grado di durezza del gambo.

Per la steccatura di gambi resistenti, potete fare riferimento al tutorial sulla steccatura di un fiore.

Steccatura di fiori con gambi deboli

Alcuni fiori hanno dei gambi molto deboli, e non è possibile infilare nel gambo il filo di ferro, che altrimenti si spezzerebbe. Occorre affiancare il filo di ferro parallelamente al gambo e avvolgerli assieme con la guttaperga.

Steccatura di orchidee

orchidea dendrobium

orchidea dendobrium
Orchidea Dendobrium

Altri fiori, come le orchidee o diramazioni laterali di fiori troppo corti per poter essere infilati nella spugna, devono essere avvolti in un cotone imbevuto di acqua prima di essere steccati con la tecnica della guttaperga. Il cotone ha la doppia funzione di nutrire il fiore e di proteggere il gambo impedendo che il filo di ferro lo spezzi.

Preparazione della calla

calla
calla

Calla per bouquet flroeali

bouquet di calle
Bouquet di Calle

Nel caso della calla, questo fiore ha la parte inferiore del gambo che, essendo buca, quando viene infilata nella spugna tende a rompersi. Per impedirne la rottura, è sufficiente avvolgere attorno alla parte inferiore del gambo del nastro trasparente che ne impedisce lo spezzarsi.

Steccatura delle foglie

Per steccare una foglia, piegare il filo di ferro in due e infilare le due estremità del filo di ferro alla base della foglia, all’incirca nella zona dell’attaccatura col gambo. Curvare il filo di ferro e attorcigliarlo attorno al gambo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *